Un pomeriggio in Osteria: intervista a Contecurte

ContecurteN.d.T.: Considerato il linguaggio colorito dell’oste di Contecurte, alcune parti, indicate con “[…]”, non sono state tradotte. È comunque possibile intuirle dalla versione in lingua originale.

 

Non è molto che lavoro nel Monolito, come affettuosamente, ma non solo, chiamiamo l’enorme palazzo di Edizioni XII, ma ho già imparato che è molto difficile che un giorno sia uguale al precedente. Né che non ti capiti di fare un incontro come minimo insolito.

Questo vale per chiunque.

Può capitare di incrociare in corridoio lo scrittore del momento, come un aspirante dalle indubbie qualità, o il webmaster del proprio sito preferito.

Anche quelli della sicurezza, come ho già raccontato, sono persone, a loro modo, particolari.

L’ultimo l’ho conosciuto stamattina.

Sto giusto prendendomi il solito caffè alla macchinetta quando vedo un individuo vestito molto meglio di me e grosso molto più di me venirmi incontro con passo deciso, quasi meccanico.

Si ferma a un metro, fissandomi inespressivo.

— Sì? — chiedo.

— Il Signor Milani l’aspetta all’ingresso — risponde con voce monocorde.

— Ehm… ok… — biascico perplesso.

Vedendo che non muove un muscolo provo a concludere la frase: — Scendo… subito…?

Il tono interrogativo è abbastanza evidente, ma le mie parole devono essergli bastate, perché l’individuo ruota il corpo di novanta gradi, facendo compiere subito dopo lo stesso movimento alla testa, dopodiché riprende per la sua strada.

Rimango a fissarlo mentre si allontana. La somiglianza con Robocop è fin sospetta.

Ma come fa l’Ufficio Personale a… va be’, lasciamo perdere.

Pochi minuti dopo sono seduto al posto del passeggero della Bentley aziendale di Luigi, lui al volante. Dietro di me siede Raffaelle Serafini, vale a dire il famigerato Gelo Stellato, scrittore pluripremiato a diversi concorsi letterari, nonché uomo dalla vita sentimentale più movimentata di quella di una velina.

Nostra meta: Contecurte, un’osteria letteraria in una zona non meglio precisata del Friuli Venezia Giulia. Raffaele si èofferto come interprete.

 

Il posto ha tutto ciò che si può aspettare da un’osteria: ambiente rustico ed essenziale, ma accogliente, tavoli in legno, con scritte di ogni genere incise ovunque, fotografie del Friuli che fu alle pareti e, dietro al bancone, un omone dai capelli folti e spettinati con sopracciglia folte quanto la barba e dall’espressione uggiosa.

Appena ci vede si illumina di un sorriso esagerato, si dirige verso Raffaele e gli stringe la mano in maniera calorosa (lo noto dalla malcelata espressione di dolore di Gelo), non prima di averle passate su un grembiulaccio sporco di sugo e vino.

Di tutte le parole pronunciate dall’uomo non ne capisco nemmeno una, il che rende la presenza di Raffaele elemento fondamentale per la riuscita dell’intervista.

Raffaele ci introduce all’oste, che non vuole dirmi il suo nome, ma prende una bottiglia di vino, quattro bicchieri, un piatto con una specie di frittata di formaggio e si siede al tavolo con noi. L’intervista ha inizio.

Questa volta Luigi ha deciso di lasciare a me l’onere di porre le domande. Vediamo come me la cavo.

Qui di seguito leggerete il resoconto della nostra chiacchierata. Secondo me il nostro interprete non ha tradotto proprio tutto, almeno a giudicare da certe espressioni che aveva l’oste mentre mi parlava.

 

Bello questo posto. Ma, esattamente, cos’è un’osteria letteraria, e a chi è venuta l’insana idea di aprirne una?

[Trad.] Biel chest puest. Ma, di precîs, ce dal ostie ise une ostarie leterarie, e cui isal stât cussì mataran di vierzi une?

L’oste di gira verso Raffaelle e mi indica.

Dîs po, ma cui isal chest? Isal vignût a cjapâ pal boro? Bon, cjale, ti rispuint cun gracie dome par che no disin che nô furlans o sin musons.

Alore… la idee a nus è vignude intune ostarie, apont, ancje se tal imprin a si pensave a un “Cafè leterari”, cjapant come esempli chei dal Votcent. Daspò o vin pensât che siche o sin in Friûl al è miôr cjacarâ di ostarie. Come dî, fas cont che invezit di vê un lûc fighet come un cafè, i nestris clients a sedin plui a la man, e a vedin miôr un tai di blanc, magari compagnât di une tartine al cren o un plat di frico. Par spiegâ ce che je Contecurte si stâ pôc: al è un blog fat di contis curtis, par leilis, comentâlis e magari rivâ adore a miorâlis. Nuie di gnûf, a part il fat che dut chest al è in lenghe furlane.

 

[…]

Allora, l’idea è nata in una Osteria, per l’appunto, anche se all’inizio si pensava a un “Caffè letterario”, prendendo ispirazione quelli ottocenteschi. Poi abbiamo realizzato che, trovandoci in Friuli, era meglio parlare di “Osteria”. Come dire… invece di un ritrovo fighetto come un cafè, i nostri clienti sono più alla mano, e preferiscono un bicchiere di vino bianco, magari abbinato a una tartina con il cren o a un piatto di frico (indica il piatto davanti a noi n.d.Fab). Poi, per spiegare cos’è Contecurte, ci vuol poco: è un blog fatto di racconti brevi, per leggerli, commentarli e magari giungere a un loro miglioramento. Niente di nuovo, quindi, a parte il fatto che il tutto è in lingua friulana.

 

Da quando è aperta e da chi è composto lo staff?

[Trad.] Di cuant ise vierte e cui al lavorie dentri?

O vin viert chest an, par jessi juscj il licôf al è stât il 13 di Zenâr. Al va dit, però, che la idee e jere nade mês indaûr, e je restade ferme par scuasit nûf mês, e a Dicembar o vin decidût di metile in vore, cul intent di sostignî la forme leterarie de conte, cetant minorizade de editorie taliane. Par cumò i ostîrs a sin in doi, jo e Dree Venier. Jo o mi ocupi de gjestion fisiche dal blog, de revision de conte e dal contat cui clients, il Dree, jessint stât il plui antîc e cognossût blogarin furlan, cul sô “Il furlanist”, al fâs di controlôr, cuntun rôl consultîf e creatîf, ancje parcè che cumò al à pôc timp, di cuant che al è diretôr de “Patrie dal Friûl”.

 

Abbiamo aperto proprio quest’anno. Per essere precisi l’inaugurazione è stata il 13 gennaio. Va detto però che l’idea risale a mesi addietro, ma solo a dicembre abbiamo deciso di rimetterci mano, con la voglia di sostenere la forma letteraria “racconto”, così tanto bistrattata dall’editoria italiana. Attualmente gli osti sono due, io e Dree Venier. Io mi occupo della gestione fisica del blog, della revisione dei racconti e del contatto con la clientela; il Dree, essendo stato il più “antico” e conosciuto blogger in friulano, con il suo “Il Furlanist”, ora fa il supervisore, con un ruolo consultivo e creativo, anche perché attualmente è piuttosto impegnato come Direttore del giornale “La Patrie dal Friûl”.

 

Quali sono le principali problematiche che avete dovuto affrontare per allestire la vostra attività?

[Trad.] Cuâi sono stâts i fastidis plui grancj che o vês scugnût frontâ par meti adun la vuestre ativitât?

Lassant in bande lis cuistions tecnichis, là che o vin domandât un jutori pal template, disin che il probleme di fonde al è soredut un, che no par nuie, al è propit un dai nestri nemîs di frontâ. Il Furlan al patis une grande carence di alfabetizazion inte sô forme scrite, ven a stâi che ancje se si stime che o sedin plui o mancul 600.000 personis che a lu fevelin, dome une piçule part e je in grât di scrivilu in maniere corete. Chest al puarte ancje une cierte fature intal lei par furlan. Par chest motîf o vin pontât su la politiche dal “curt”. O sperin di sburtâ cualchi furlan che al zire tor pal web a lei par furlan, profitant dal fat che al stâ pôc. Se no lu savês, us ricuardi che i furlans a son int pratiche, che no ‘nd à timp di pierdi.

 

Lasciando stare le questioni tecniche, riguardo alle quali abbiamo chiesto un aiuto per il template, diciamo che il problema di fondo è soprattutto uno, che appunto è uno dei nostri nemici da affrontare. Il friulano soffre una grossa carenza di alfabetizzazione nella sua forma scritta, perciò anche se si stima che i parlanti siano circa 600.000, solo una piccola parte è in grado di scriverlo in maniera corretta. Ciò si porta dietro una naturale difficoltà nella lettura del friulano. Per questo motivo abbiamo puntato sulla “brevità”. Speriamo di spingere qualche friulano che gira per il web a leggere nella sua lingua, approfittando del fatto che ci metterà poco tempo. Se non lo sapeste, vi ricordo che i friulani sono gente pratica, che non ha tempo da perdere.

 

Tutto questo mi fa pensare che, per voi, il dialetto friulano sia un tesoro e il suo mantenimento in vita una missione. Ho visto che c’è addirittura una “Vichipedie”, la wikipedia in friulano. Il che è senz’altro un intento lodevole, visto l’oblio progressivo nel quale stanno scivolando un po’ tutti i dialetti regionali…

[Trad.] Dut chest mi fas pensâ che par voaltris il dial… ehm la lenghe furlane e sedi un tesaur, e il mantignîle vive une mission. O ai viodût che e je parfin une “Vichipedie”, ven a stâi la Wikipedia in furlan, e chest al è cence altri un intent onorevul, viodint il progressîf discomparî là che stan sbrissant ducj i dialets regjonâi.

Sint mo, ma aio sintût ben? Chel cjastron al aial dit “dialet”, ma chel lì al à voie di jessi sdrumât subit. Folc che ti trai! Ce raze di cocâl… LENGHE! Cemût a vino di fâusale capî? Leç 482 dal ’99, se o volês la sigurece legâl dal fat. E no cjacarin di une cuistion di braùre o di presunzion. O si cjacare di une cuistion purementri lenghistiche: il furlan e je une lenghe romanze, ‘nd à vût un sô disvilup origjinâl, passât par influencis gjermanichis, slavis, dal venit e altris, che lu àn puartât a vê une sô identitât, diferente di chê dal Talian. Tant parcè che tu ti fasedis une idee, la leteradure furlan, e nas intal 1300, pôc dopo di chê taliane, tant le vêr che parfin Dante intal so De Vulgari Eloquentia al cjacare dal Furlan. A ogni mût su une robe tu as reson: i furlans àn une identitât une vore fuarte, e chest ju puarte a viodi la lenghe come sô part di fonde, e par chel, a difindile. Daspò al è cualchi furlan che al dîs che dutis lis minorancis e àn di discomparî, ma jo a chescj i disarès dome di pensâ che ancje il Talian al è une minorance, e se al varès gust che di doman, lis scuelis a cjacarassin dome inglês, o spagnûl, o magari cinês, parcè che e son chestis lis lenghis plui sparniçadis intal mont.

 

[…] LINGUA! Come dobbiamo farvelo capire? Legge 482 del ’99, se serve la certezza legale. E non stiamo parlando di orgoglio o presunzione. Si parla di una questione puramente linguistica: il Friulano è una lingua romanza, ha avuto un suo sviluppo originale, attraversata da influenze germaniche, slave, venetiche e altre, che lo hanno portato a una sua identità, diversa dall’italiano. Tanto perché tu ti faccia un’idea, la letteratura friulana ha una tradizione nata nel 1300, poco dopo quella italiana, tant’è che lo stesso Dante, nel De Vulgari Eloquentia, cita la questa lingua. In ogni caso su un aspetto hai ragione: i friulani hanno un’identità molto forte, e questo li porta a considerare la lingua come sua parte fondamentale, e per questo a difenderla. Poi c’è qualcuno che vorrebbe che tutte le minoranze linguistiche scomparissero, ma a costoro basterebbe ricordare che anche l’italiano è una minoranza, e chiedergli se gli farebbe piacere se da domani, nelle scuole, cominciassero a parlare solo inglese, spagnolo o cinese, perché sono queste le lingue più diffuse.

 

Beh, il ragionamento non fa una grinza. Però io considero il friulano una variante della lingua Klingon, e, se non fosse per Raffaele qui presente, non riuscirei a trascrivere una parola di quello che mi stai dicendo. Come fa un povero italiota come me a entrare nel vostro mondo?

[Trad.] In efiets chest resonâ nol fâs une grispe. Però jo consideri il Furlan tant che une variant de lenghe Klingon, e se a nol fos par Raffaele chi presint, no rivarès a scrivi une peraule di ce che tu mi stâs disint. Cemût al fasie un puar italiota come me a jentrâ intal vuestri mont?

Ben, in efiets o pues capî la fature, a ogni mût aromai o son une vore di imprescj che a podin judâ a jentrâ “into furlan people”. Tant par dî, dome cuntun click sul nestri blog, tu puedis subit disponi di risorsis che ancje pai furlans che volin scrivi a son jutoris di fonde. Mi riferìs al coretôr ortografic o al dizionari talian-furlan, scjamabil di rive jù de rêt e une vore bon. Po dopo tu as nomenât tu la Vichipedie, dulà che si pues cjatà un cualchi riferiment ancje ai furlans plui impuartant. Un non par ducj, Pieri Pauli Pasolin.

 

In effetti posso capire la difficoltà, a ogni modo sono ormai molti gli strumenti che possono aiutare l’ingresso “into the furlan people”. Tanto per dirne alcuni, basta un click sul blog, e si può subito disporre di risorse che anche per i friulano sono aiuti fondamentali. Mi riferisco al correttore ortografico o al dizionario italiano-friulano, scaricabile freeware e molto valido.

 

Torniamo al blog, dunque. Qual è il significato, letterale e non, del “Manifest”?

[Trad.] Tornìn al blog, alore. Cuâl isal il sens, no dome leterâl, dal “Manifest”?

Ben, disin pûr che il sens di chel manifest al cjape sù propit i doi temis di fonde di dute la ostarie.

Contecurte, in prime batude, e je une manifestazion di amôr par la leteradure, ven a stâi par il plasê di scrivi contis e di leilis. In chest sens a nus plâs che i autôrs e i letôrs si confrontin e o sin pronts a doprâ il blog in maniere vive, cambiant la conte ancje dopo la publicazion, se l’autôr al crôt di miorâle. Al è par chel che dongje a lis contis o stin ancje metint in pîts cualchi spazi par altris robis, come cualchi “sclip di storie” o cualchi “partide di discors”, naturalmentri simpri restant tor la narative.

In seconde batude al ven il desideri di contribuî, tal nestri piçul, intune opare di alfabetizazion furlane. Cence vê nuie di insegnâ, di fat, o cirin di doprâ la grafie uficiâl e di fâ ancje un pôc di “editing” a lis contis, ancje parcè che nus plasarès judâ chei che no àn coraç di scrivi par furlan, ma lu fevelin.

 

Il senso del “Manifesto” raccoglie proprio i due temi fondamentali dell’intera Osteria.

Contecurte, in prima battuta, è una dichiarazione d’amore per la letteratura, vale a dire per il piacere di scrivere racconti e leggerli. In questo senso ci piace il fatto che gli autori si confrontino e siamo pronti a un utilizzo “vivo” del blog, modificando il racconto anche dopo la pubblicazione, se l’autore ritiene di migliorarlo. Per questi motivi, a fianco dei racconti, stiamo allestendo altre rubriche come “un pizzico di storia” o qualche “partita di discussione”, naturalmente rimanendo nei pressi della narrativa.

In secondo battuta viene il desiderio di contribuire, nel nostro piccolo, in una opera di alfabetizzazione. Senza avere nulla da insegnare, di fatto, cerchiamo di usare la grafia ufficiale e di operare un minimo di “editing” ai racconti, anche perché ci piacerebbe essere d’aiuto a quelli che ancora non trovano il coraggio di scrivere in friulano, ma lo parlano.

 

Pensi che Internet possa essere uno strumento utile per divulgare il dialetto friulano anche al di fuori dei confini regionali?

[Trad.] Pensistu che Internet al podi jessi un bon imprest par sparniçâ la lenghe furlane ancje fûr dai confins regjonâi? (ringrazio Raffaele per aver tradotto “dialetto” con “lingua”, altrimenti dubito che sarei qui a raccontarlo. N.d.Fab)

Ben… a part che cheste interviste mi pâr bielzà une rispueste, a ogni mût sì. Se tu pensis che la version par furlan di Firefox le à fate un canadês e che ancje inte nestre Ostarie o vin almancul un pâr di autôrs che no son a stâ in Friûl, al va dit che un grum di furlans ator pal mont a continue a tignîsi inzornât cu la lenghe propit grazie a Internet.

In fin dai conts, se nissun al si maravee che Bob Marley al cjanti intun dialet, ancje nô podin lâ indenant a cirì di puartâ ator il Furlan. In sumis, il www al è sigurementri un bon caric di zuiâ inte partide di briscule cuintri il discomparî da lis lenghis minoritaris.

 

Beh, a parte che questa intervista mi pare già una risposta, comunque sì. Se tu pensi che la versione in friulano di Firefox l’ha progettata un canadese e che anche nella nostra piccola Osteria abbiamo almeno un paio di “clienti” che non abitano in Friuli, va anche detto che molti friulani sparsi per il mondo continuano a tenersi aggiornati con la lingua proprio grazie a Internet.

In fin dei conti, se nessuno si meraviglia per il fatto che Bob Marley canti in un dialetto, anche noi possiamo tentare di diffondere il friulano. Insomma, il www è sicuramente un buon “carico” da giocare nella partita di briscola contro l’oblio delle lingue minoritarie.

 

A quel punto cominciano ad arrivare i primi avventori e l’oste ci deve salutare. Una stretta di mano e una pacca sulla spalla sono il suo modo per accomiatarsi.

Ringrazio Luigi e Raffaele per l’aiuto, e il mio traumatologo per avermi consentito un rapido recupero dal saluto dell’oste.

Bel posto, comunque, consiglio a tutti di farci almeno un giro. L’ospitalità semplice e genuina non manca.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in chiacchierate, segnalazioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...