Essi Vivono

Molti sanno che fare poche promesse e riuscire a mantenerle è una virtù tra le più misconosciute.

Lo sanno in molti perché i pochi che restano sono quelli che mettono in pratica questo principio, mentre tutti gli altri si barcamenano, mentendo spudoratamente, a sé stessi e agli altri.
Ma chi saranno poi questi altri che restano, che non sono i molti e non sono i pochi?
Non si sa, ma sappiamo, e questo lo sapete tutti, che anche quando avessimo ben fatto un’accurata cernita e sommato noi a loro, resterebbero sempre fuori gli altri.
Sono quelli che faranno sempre e comunque qualcosa di orribilmente diverso da quel che faremmo noi. E lo fanno non perché siano dei miserabili e dei bastian contrari, ma perché senza di loro, senza gli altri, noi non potremmo lamentarci. Ne abbiamo bisogno, come giustificazione, come termine di paragone, se non ci sono ce li inventiamo, letteralmente. Un lavoro da scrittori, per capirci meglio. Ne hanno bisogno i giornali e i loro lettori: essi vivono.

Tempo fa mia figlia mi regalò un baffuto vecchietto di porcellana, che faceva da tappo a una boccetta di vetro. Dentro c’erano delle scaglie, forse di drago, di anaconda siberiana, non so, a molte cose potevano assomigliare, ma di certo il pregevole foglietto illustrativo diceva trattarsi di forfora di gnomo. Mi accorsi presto che prendendone un pizzico ogni mattina e passandomela fra i capelli, e per quanto disgustosa mi risultasse l’operazione, perlomeno prima di farci l’abitudine, la forfora di gnomo funzionava proprio bene. Infatti non cominciai a perdere i capelli, non smisi di fumare e nemmeno di ascoltare musica.

Qui comincia l’avventura di una nuova rubrica dal titolo "Essi vivono". Sarà una finestra sul pensiero degli "altri", questo è sicuro, non solo di quelli che non la pensano come me. Mi avvarrò di ogni suggestione che riuscirò a trovare in Rete per interpretare la cronaca, i fatti, in chiave letteraria, dando spazio a ciò che gli scrittori pensano di ciò che accade, anche senza che noi lo sappiamo.

PS: Pochi sanno che fare molte promesse e non riuscire a mantenerle è uno tra i difetti più noti e comuni. Lo sanno in pochi perché i molti che restano sono quelli che mettono in pratica questa banalità…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...